OA Italia/ABC dell' Open Access

Da Bollettino telematico di filosofia politica & Open Access Italia Wiki.
  • l’Open Access non è in contrasto con la peer-review;
  • l’Open Access si applica solo alla letteratura scientifica, ossia quella per cui gli autori non ricevono alcun compenso se non il riconoscimento della comunità internazionale;
  • l’Open Access è compatibile con il Diritto d’Autore [link interno alla pagina sui diritti], anzi ne costituisce una maggiore presa coscienza e in certo modo un rafforzamento: l’autore mantiene tutti i diritti sulla sua produzione intellettuale;
  • l’Open Access è stato individuato come il canale preferenziale per la libera disseminazione dei risultati delle ricerche finanziate con finanziamenti pubblici, come dimostrano le politiche di sempre più numerosi enti di ricerca nel mondo e la Dichiarazione dell’OECD - Organization for Economic Cooperation end Development (2004).


Vantaggi dell’Open Access:

  • per gli autori: maggiore visibilità e impatto per i propri lavori (fino al 300% in più in certe aree disciplinari); possibilità di nuove metriche di valutazione dell’impatto alternative all’Impact Factor;
  • per i ricercatori: maggiore facilità di accesso ai dati e ai risultati della ricerca rispetto agli articoli accessibili solo a pagamento; possibilità di sfruttare appieno nuove tecnologie quali il text-mining e il data-mining;
  • per le biblioteche: possibile risposta alla crisi dell’aumento vertiginoso dei prezzi degli abbonamenti, che, parallelamente alla diminuzione dei budget, riducono sempre più il numero dei titoli che è possibile offrire agli utenti;
  • per le Università:
    • maggiore visibilità per i propri ricercatori;
    • possibili economie di scala sui costi degli abbonamenti;
    • razionalizzazione dell’anagrafe della ricerca se collegata all’archivio istituzionale [link interno alla pagina IR]
  • per gli editori: maggiore impatto, visibilità, usabilità, e di conseguenza maggiori indici di citazione
  • per gli enti di finanziamento: maggiore ritorno sugli investimenti garantiti dalla massima disseminazione dei risultati della ricerca (cfr. la Raccomandazione 2006 dell’OECD, Organization for Economic Cooperation and Development)

___________

Di seguito, alcuni video sull'Open Access realizzati dalla Biblioteca d'Area del CNR di Bologna:

tutti disponibili sul loro canale YouTube.