OA Italia/Dati e cifre sull'Open Access in Italia - 2015

Da Bollettino telematico di filosofia politica.

Nel 2015 sono state diverse e articolate le attività sull'accesso aperto in Italia dalla adozione di un archivio aperto/ open repository da parte di oltre 50 università e all'implementazione di policy OA in diversi atenei, alla costituzione di un'associazione, e ad una ricca attività seminariale e convegnistica che ha visto al centro dell'attenzione la riflessione sui dati della ricerca, sulla loro condivisione e sul riuso e in generale la scienza aperta.

Oltre 50 atenei italiani sono migrati da UGOV-ricerca a IRIS- Institutional Research Information System, il nuovo CRIS- Current Research Information System- sviluppato da Cineca e che integra l'open repository DSPACE con le funzionalità i servizi richiesti da un gestionale della ricerca. Pertanto tutti gli atenei che hanno adottato IRIS adesso dispongono di un portale ad accesso aperto dove depositare tutte le pubblicazioni, rendendole disponibile in accesso aperto in conformità delle policy OA in vigore negli atenei e nel rispetto del diritto d'autore. Inoltre l'attuazione del progetto ORCID che ha visto la collaborazione di ORCID, di ANVUR, di Cineca e della CRUI e ha permesso a 60 mila ricercatori di registrarsi e di ottenere l'identificativo ORCID e quindi contribuire ad una maggiore visibilità delle loro pubblicazioni.

Nel 2014 durante il workshop tenuto a Trento in occasione della settimana internazionale dell'accesso aperto era stata annunciata la volontà di costituire un'associazione a sostegno della scienza aperta. A marzo 2015 si è costituita AISA [1], l'Associazione italiana per la Promozione della Scienza Aperta, senza fini di lucro al fine di promuovere e diffondere i valori dell’accesso aperto alla conoscenza attraverso la conduzione e pubblicazione di studi, organizzazione di attività convegnisitche e seminariali, lo svolgimento di attività formative volte a creare le competenze delle persone impegnate in organizzazioni, in particolare università ed enti di ricerca, che attuano i principi della scienza aperta. AISA intende, inoltre, impegnarsi presentare ai decisori istituzionali, e in particolare ai legislatori europeo e italiano, istanze che integrino la promozione della scienza aperta nelle scelte attinenti a materie come quelle della valutazione e della proprietà intellettuale. Ad ottobre del 2015 ha tenuto anche il I convegno.

L’Università di Torino ha organizzato in collaborazione con il CNR Area della ricerca di Bologna, l’Università di Parma, l’Università di Bologna, ISMAR CNR, con il patrocinio di AISA - Associazione italiana per la promozione della scienza aperta e di APRE - Agenzia per la Promozione della ricerca europea e in collaborazione con OpenAIRE, a Bologna due giornate sul tema degli Open research data.

Sulla promozione delle policy OA di ateneo è stato organizzato da Cineca in collaborazione con AISA con la partecipazione del Politecnico di Milano, Università Statale di Milano, Università di Trento, Università di Trieste, Università Ca' Foscari Venezia, Università di Pisa e Università di Udine e di PASTEUR4OA (Giugno- Ottobre 2015)


Regolamenti e policy OA

Le Università di Cagliari, Napoli Parthenope, Napoli Federico II, Padova, Pisa e Udine hanno approvato il proprio regolamento sull'accesso aperto. I testi delle policy sono raccolti alla pagina http://wiki.openarchives.it/index.php/Regolamenti_e_Policy_sull%27Open_Access

Open Repository

Nell'arco del 2015 oltre 50 atenei italiani sono migrati da UGOV-ricerca a IRIS- Institutional Research Information System, il nuovo CRIS- Current Research Information System- sviluppato da Cineca e che integra l'open repository DSPACE con le funzionalità i servizi richiesti da un gestionale della ricerca. Pertanto tutti gli atenei che hanno adottato IRIS adesso dispongono di un portale ad accesso aperto dove depositare tutte le pubblicazioni, rendendole disponibile in accesso aperto in conformità delle policy OA in vigore negli atenei e nel rispetto del diritto d'autore. I metadati relativi alle pubblicazioni indicizzate negli archivi IRIS sono anche indicizzate nel PLEIADI- Portale per la Letteratura scientifica Italiana Archivi e Depositi Istituzionalidove è possibile effettuare la ricerca filtrando le sole pubblicazioni scientifiche in accesso aperto che fino al 2015 risultano essere oltre 100.000.

Webinar

Policy di ateneo sull'accesso aperto: esperienze a confronto 1-2- 3 (11 giugno; 6 luglio; 1 ottobre) https://wiki.u-gov.it/confluence/display/public/UGOVHELP/Video+Tutorial+e+Webinar#VideoTutorialeWebinar-OpenAccessPolicy:WEBINAR

OpenAIRE - Pubblicare OA : FP7 post grant publishing pilot a cura di Cineca/OpenAIRE - NOAD italiano. (21 ottobre 2015). Il webinar della durata di un'ora illustra il progetto lanciato dalla Commissione Europea nel maggio 2015 all'interno del progetto europeo OpenAIRE 2020 finalizzato a sostenere la pubblicazione in accesso aperto dei risultati delle ricerche finanziate da progetti FP7 terminati negli ultimi 2 anni. Disponibile registrazione [2]

Convegni, workshop, seminari

Scienza aperta: per una ricerca migliore (Roma, 5-6 marzo 2015). Organizzato dall'Istituto Italiano di Antropologia e Sapienza Università di Roma il convegno dopo una prima sessione di carattere introduttivo, si è focalizzato in chiave interdisciplinare prima sugli aspetti di attualità e le tematiche emergenti, e poi sulle strategie e le risposte alla crescente domanda di una maggiore presenza della scienza aperta nell’alta formazione e nella ricerca. https://sites.google.com/site/scienzaapertaricercamigliore/home

OpenAIRE 2020: l'infrastruttura per l'aggregazione dei risultati della ricerca e il ruolo delle biblioteche. Convegno Stelline (Milano, 12.03.2015)- Sessione organizzata dal Cineca nel suo spazio in qualità di espositore http://www.convegnostelline.it/stelline2015/workshop1.php?IdUnivoco=3 http://www.slideshare.net/OpenAIRE_eu/openaire2020-linfrastrutturaper-laggregazione-dei-risultati-accademici-e-scientifici-e-il-ruolo-delle-biblioteche

Open data e open access:quali differenze, quali convergenze? organizzato da GIDIF- RBM a Bibliostar - Convegno Stelline, (Milano, 13.03.2015) http://www.gidif-rbm.org/allegati/locandina%20Gidif-Bibliostar%20last%202015.pdf Le presentazioni sono disponibili qui http://www.slideshare.net/GIDIF-RBM/presentations

Empowering graduate students: science dissemination and science communication “in the open” ( Trieste, 7-8 luglio 2015). E' il seminario FOSTER organizzato dall'Università di Trieste rivolto ai dottorandi con l'obiettivo di introdurli alle nuove modalità aperte della comunicazione scientifica https://www.fosteropenscience.eu/event/empowering-graduate-students-science-dissemination-and-science-communication-“-open”

I Convegno AISA (Pisa, 21-22 ottobre 2015) http://bfp.sp.unipi.it/aisa/attivita/i-convegno-annuale-aisa/

Open research data: creating bridges for Open Science – Open CON2015 satellite event (Bologna, 18.11.2015).Organizzato dall'Università di Torino in collaborazione con il CNR Area della ricerca di Bologna, l’Università di Parma, l’Università di Bologna, ISMAR CNR, con il patrocinio di AISA - Associazione italiana per la promozione della scienza aperta e di APRE - Agenzia per la Promozione della ricerca europea http://www.oa.unito.it/new/data-management-plans-principles-and-practice/

Data Management Plans, principles and practice (Bologna, 19.11 2015). Organizzato dall'Università di Torino in collaborazione con il CNR Area della ricerca di Bologna, l’Università di Parma, l’Università di Bologna, ISMAR CNR, con il patrocinio di AISA - Associazione italiana per la promozione della scienza aperta e di APRE - Agenzia per la Promozione della ricerca europea http://www.oa.unito.it/new/data-management-plans-principles-and


Open Access Publishing per la diffusione del sapere scientifico.(9.12.2015) Organizzato CNR-Biiblioteca Centrale e CNR- IPRRS http://bice.cnr.it/elenco-eventi/286-open-access-diffusione-del-sapere-scientifico

Settimana Internazionale OA http://wiki.openarchives.it/index.php/Open_access_Week_-_2015

19 ottobre

  • Fiesole: Open Access information desks- 12.00-15.00 European Universit Institute - Badia Fiesolana Bar


20 ottobre

  • Fiesole

Open Access Roundtable : Revolution in Publishing European University Institute- Badia Fiesolana

  • Torino
Immagini e testi online:il diritto d'autore alla prova del web. Come si concilia il diritto d’autore con la pratica quotidiana della condivisione di testi e immagini su Internet? Come non violare il diritto altrui e come tutelare i propri diritti? Come mettere online risorse educative aperte? Università di Torino. Il seminario si rivolge ai docenti che utilizzano immagini e testi nelle loro lezioni, a chi si occupa di e-learning, a chi supporta le pratiche di deposito in Open Access.

21 ottobre

  • Fiesole: Open Access information desks- 12.00-15.00 European University Institute - Villa Schifanoia Bar
Fiesole
Open Access information desks- 18.00-20.00 European University Institute - Villa S. Paolo
Firenze
L'Open Access tra Repository e Editoria: policies, copyright e valutazione. Presentazione del volume La via verde e la via d'oro. Le politiche open access dell'Università di Firenze. Università degli studi di Firenze
Parma
Scienza Aperta in Ateneo?. Università degli studi di Parma
Sassari
Seminario formativo su "La proprietà intellettuale condivisa e gli archivi aperti". Università degli studi di Sassari

Webinar. Pubblicare OA : FP7 post grant publishing pilot - ore 14.30- 15.10 a cura di Cineca/OpenAIRE - NOAD italiano. L'evento sarà registrato, chi è interessato a seguirlo puo' collegarsi per lo streaming a questo indirizzo [3]

22 - 23 ottobre

Pisa
I convegno annuale AISA Nostra res agitur: la scienza aperta come questione sociale. Università degli studi di Pisa.

23 ottobre

Fiesole
Open Access information desks- 12.00-15.00 European Universit Institute - Villa La Fonte
Alessandria
Open Access come nuova via di collaborazione e condivisione della ricerca e della didattica Università degli Studi del Piemonte


Incoraggiare i valori dell’accesso aperto alla conoscenza: ecco lo scopo della neonata AISA, l’Associazione italiana per la promozione della scienza aperta. Ne parliamo con il biologo Giovanni Destro Bisol, membro del consiglio direttivo. - See more at: http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-2002be99-e6eb-4478-835c-68f117dc5b6b.html#sthash.5JVR2kpP.dpuf

Contributi italiani sull'accesso aperto e scienza aperta 2015

  • Cassella, Maria A metà del guado. L’Open Access tra passato, presente e futuro, "Biblioteche Oggi Trends" 1, 1 (2015), p. 60-68
  • Guerrini, Mauro - Giovanni Mari Via verde e via d'oro: le politiche open access dell'Università di Firenze. A cura di Mauro Guerrini e Giovanni Mari. Con prefazione di Roberto Delle Donne, saggi di Rosa Maiello, Mauro Guerrini, Gaia Innocenti-Cristina Mugnai- Valdo Pasqui, Francesco Dessì Fulgheri, Anna *Benvenuti, Andrea Novelli, Tessa Piazzini, Giovanni Mari, Fulvio Guatelli - Alessandro Pierno, Iryna Solodovnik. Firenze, Firenze University Press, 2015 http://www.fupress.com/catalogo/via-verde-e-via-d%E2%80%99oro/2873
  • Tiné Maria Rosaria Lo sviluppo di politiche a favore dell'accesso aperto," Universitas: Studi e Documentazione di vita universitaria, 26, 135, marzo 2015(Sezione: Il trimestre dedicato a "Open Access nella didattica e nella ricerca), pp.37-39

Progetti Europei sull’Open Access in cui è coinvolta l’Italia

  • OpenAIRE 2020 (Open Access Infrastructure for Research in Europe (2014-2018) http://www.openaire.eu. I partner italiani sono CNR-ISTI in qualità di coordinatore tecnologico del progetto e CINECA in qualità di NOAD - National Open Access Desk relativamente
  • PASTEUR4OA (Open Access Policy Alignment Strategies for European Union Research), http://pasteur4oa.eu/. Partner : Politecnico di Torino- Centro Nexa
  • RECODE(Policy RECcomandations to Open Acess to Research Data in Europe) http://www.recode.eu. CNR-IIA)

Open access, scienza aperta nei media,sui blog

  • Portale Research Italy. Open Science e Data Management Plan Workshop (19-20 novembre 2015). Vengono illustrati i temi che verranno affrontati nelle due giornate

https://www.researchitaly.it/fare/stampa-e-media-4/eventi/due-giornate-sull-open-science-a-bologna/

  • Radio 3 Scienza - 25.06.2015 - intervista a Giovanni Destro Bisol scienza aperta

http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-2002be99-e6eb-4478-835c-68f117dc5b6b.html

Edizioni precedenti



--