OA Italia/HowOpenIsIt

Da Bollettino telematico di filosofia politica & Open Access Italia Wiki.

Pubblichiamo la versione in italiano della guida sull'OA edita da PLOS, SPARC e OASPA rivolta ai ricercatori, agli autori, ai decisori politici, "How Open Is It?".

Scopo della guida è

  • chiarire la definizione di Open Access, spostando la conversazione da "Is It Open Access?" (È ad accesso aperto) a "HowOpenIsIt?" (In che misura è ad accesso aperto?)
  • standardizzare la terminologia con cui si parla di OA
  • illustrare la continuità tra uno "stato" aperto e uno meno aperto di una pubblicazione
  • consentire un esame comparativo e di contrasto tra le pubblicazioni e le politiche editoriali
  • far sì che un pubblico sempre più vasto abbia una corretta nozione di cosa sia l'accesso aperto
  • definire il livello di adesione all'accesso aperto di un editore o/e di una pubblicazione tramite l'utilizzo di una griglia


La versione originale in inglese è reperibile qui http://www.plos.org/open-access/howopenisit/. Alla stessa URL è in linea la traduzione italiana ufficiale.

Traduzione a cura di Antonella De Robbio, Elisabetta Poltronieri, Paola Gargiulo, Paola De Castro HowOpenIsIt?TM Open Access Spectrum - Concesso in licenza CC BY


Versione PDF http://wiki.openarchives.it/images/5/52/HOII_ita.pdf

FAQ http://wiki.openarchives.it/images/6/65/HOII_FAQ_ita.pdf


Tutte le opzioni dell’accesso aperto

Questa guida è frutto della collaborazione tra:


Come usare questa guida

Nel 2002 la Budapest Open Access Initiative ha espresso per la prima volta i principi base dell’accesso aperto. Da allora, migliaia di riviste hanno adottato politiche che accolgono in parte o per intero i fondamenti dell’accesso aperto, relativamente a: bacino di lettura, diritti di riuso, diritti di deposito in archivi aperti e leggibilità dalla macchina. Tuttavia, non tutto quello che è stato creato ad accesso aperto è uguale. Ad esempio, una politica che consente di accedere liberamente ad un articolo a sei mesi dalla sua pubblicazione è più aperta di una che stabilisce un embargo di 12 mesi, ma è meno aperta di un’altra che consente la libera lettura di un articolo subito dopo la sua pubblicazione.

Questa guida aiuta ad andare oltre la domanda, apparentemente semplice, "questa rivista è ad accesso aperto?" e, meglio ancora, "In che misura questa rivista è ad accesso aperto?"

Usa la guida per:

  • Comprendere quali sono gli elementi che definiscono una rivista ad accesso aperto
  • Imparare a riconoscere che cosa rende una rivista più o meno aperta
  • Maturare una decisione consapevole riguardo dove pubblicare


Definizione di accesso aperto per le riviste

L’accesso aperto è un mezzo di diffusione della ricerca che scardina il modello tradizionale basato sull’accesso alle riviste scientifiche tramite abbonamento. La sua potenzialità è di accelerare fortemente il ritmo delle scoperte scientifiche, incoraggiare l’innovazione e arricchire la conoscenza riducendo le barriere di accesso all’informazione. L’accesso aperto opera uno spostamento dei costi di pubblicazione facendo in modo che lettori, professionisti e ricercatori accedano gratuitamente ai contenuti. Tuttavia, accesso aperto non significa semplicemente "articoli gratis per tutti i lettori". L’accesso aperto abbraccia una serie di componenti che vanno individuati in: bacino di lettura, diritti di riuso, diritti di deposito in archivi aperti e leggibilità dalla macchina. Riguardo questi punti, gli editori e gli enti finanziatori hanno adottato politiche diverse, nel senso di una maggiore o minore apertura. In generale, quanto più la politica di una rivista preveda disponibilità immediata dei contenuti e condizioni di riuso soggette a minime restrizioni, tanto più la rivista può definirsi aperta.

Le riviste possono essere più o meno aperte, ma il loro grado di apertura è assolutamente indipendente da:

Impatto - Prestigio - Qualità della peer review - Modalità della peer review - Sostenibilità - Effetto sull'avanzamento in carriera - Qualità degli articoli

accesso aperto Diritti del lettore Condizioni di riuso Diritti dell'autore e dell'editore Diritti di deposito dell'autore Deposito automatico Disponibilità in formati leggibili dalla macchina
totale Diritto alla lettura libera di tutti gli articoli immediatamente dopo la pubblicazione Ampi diritti di riuso e rimaneggiamento (es. tramite licenza CC BY) L'autore rimane in possesso dei diritti, senza alcuna restrizione L'autore può depositare qualsiasi versione in qualsiasi archivio aperto o sito web Le riviste rendono automaticamente disponibili copie dei propri articoli in archivi digitali di soggetti terzi accreditati (es. PubMed Central), subito dopo la pubblicazione Articoli a testo pieno, metadati, citazioni, dati, compresi dati di supporto, sono forniti in formati condivisi leggibili dalla macchina attraverso applicazioni API o protocolli standard
un po' limitato Diritto alla lettura libera di tutti gli articoli dopo un embargo di non più di 6 mesi Riuso, rimaneggiamento e rielaborazione di un lavoro soggetti ad alcune restrizioni e condizioni (es. tramite licenze CC BY-NC & CC BY-SA) L'autore resta titolare dei diritti con alcune restrizioni relative al riuso della versione pubblicata L'autore può depositare la versione finale del manoscritto che ha superato la peer review ("postprint") in qualsiasi archivio aperto o sito web Le riviste rendono automaticamente disponibili copie dei propri articoli in archivi digitali di soggetti terzi accreditati (es. PubMed Central), entro 6 mesi dalla pubblicazione Articoli a testo pieno, metadati, citazioni, dati, compresi dati di supporto, possono essere acquisiti da motori di ricerca o resi accessibili attraverso applicazioni API o protocolli standard
limitato Diritto alla lettura libera di tutti gli articoli dopo un embargo superiore a 6 mesi Riuso (ma non rimaneggiamento o rielaborazione di un lavoro) soggetto ad alcune restrizioni e condizioni (es. licenza CC BY-ND) L'editore è il titolare dei diritti, con alcune concessioni riguardo il riuso, da parte dell'autore e del lettore, della versione pubblicata L'autore può depositare la versione finale del manoscritto che ha superato la peer review ("postprint") in alcuni archivi aperti o siti web Le riviste rendono auomaticamente disponibili copie dei propri articoli in archivi digitali di soggetti terzi accreditati (es. PubMed Central), entro 12 mesi dalla pubblicazione Articoli a testo pieno, metadati, e citazioni possono essere acquisiti da motori di ricerca o resi accessibili senza una speciale autorizzazione o registrazione
molto limitato Diritto alla lettura gratuita e immediata solo di alcuni articoli, non di tutti (formula che include il modello ibrido) _____________ L'editore è il titolare dei diritti, con alcune concessioni riguardo il riuso, da parte dell'autore, della versione pubblicata L'autore può depositare la versione sottomessa per la pubblicazione/la bozza del lavoro finale ("preprint") in alcuni archivi aperti o siti web _____________ Articoli a testo pieno, metadati e citazioni possono essere acquisiti da motori di ricerca o resi accessibili soltanto sulla base di una autorizzazione
accesso chiuso Abbonamento, quota associativa, pay-per-view o altra formula a pagamento per la lettura degli articoli Diritti di riuso limitati al fair use / limitazioni ed eccezioni per i diritti (copyright con tutti i diritti riservati) per la lettura L'editore è il titolare dei diritti con nessuna possibilità di riuso per l'autore al di fuori del fair use L'autore non può depositare alcuna versione del lavoro in archivi aperti o siti web Non è prevista alcuna archiviazione automatica in archivi digitali di soggetti terzi Articoli a testo pieno e metadati non sono resi disponibili in formati leggibili dalla macchina