OpenAIRE Advance

From Bollettino telematico di filosofia politica & Open Access Italia Wiki
Revision as of 14:53, 16 March 2018 by PaolaGar (talk | contribs) (Creata pagina con " '''Dati tecnici''' OpenAIRE-Advance è il nuovo progetto finanziato dalla Commissione Europea (H2020-EINFRA-2017, 777541) che continua la missione di supporto alle politiche...")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to navigation Jump to search

Dati tecnici OpenAIRE-Advance è il nuovo progetto finanziato dalla Commissione Europea (H2020-EINFRA-2017, 777541) che continua la missione di supporto alle politiche europee su Open Access e Open Data, aggregando risultati accademici e scientifici e fornendo dati su progetti, persone, enti. OpenAIRE Advance ha una durata di 36 mesi (gennaio 2018-dicembre 2020). Il consorzio è formato da 48 partner europei ed extra europei, capitanato dall’Università Nazionale Capodistriana di Atene. L’Italia è rappresentata dall’Istituto di Scienze e Tecnologie dell’informazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ISTI-CNR) e dall’Università di Torino.

Scopo Il progetto mira a - diventare una e-Infrastructure affidabile nell’ambito dell’European Open Science Cloud (EOSC) - consolidare i risultati raggiunti dalle precedenti edizioni (OpenAIRE, OpenAIRE Plus, OpenAIRE2020) - rafforzare le comunità che gravitano attorno all’Open Science tramite il sostegno dell’infrastruttura di successo attuale, composta principalmente da una rete di contatti (NOADs – National Open Access Desks) e da un robusto servizio tecnico.

Attività sul piano politico/formativo In questa nuova fase, OpenAIRE-Advance si concentra sui NOAD, mettendoli in condizioni tali da supportare pienamente le politiche europee su Open Access e Open Data. I NOAD devono svolgere un ruolo fondamentale all’interno della loro infrastruttura nazionale, contribuendo a - portare Open Access e Open Science nell’agenda politica dei propri Paesi - creare gruppi di lavoro attorno a quattro principali aree tematiche (Open Policy, Research Data Management, Legal issues e Text Data Mining) in ottica di “capacity building” - promuovere un approccio di tipo “train the trainer”, per creare un effetto di maggiore risonanza - rafforzare ed espandere il servizio di Helpdesk pan-Europeo con toolkit e risorse di supporto e formazione - organizzare workshop specifici che prendano in esame gli elementi fondamentali della comunicazione scientifica, come ad esempio l’editoria Open Access cooperativa e i repository di nuova generazione, per contribuire a definire e sviluppare gli elementi costitutivi essenziali dei “commons” scientifici.